le delegazioni
link
affitta la nostra mostra fotografica

 

delegazioni di shu'fat
   
 

COOPERATIVA SOCIALE CENTRI ROUSSEAU
Esperienze ludico-educative per il tempo libero - onlus

www.centrirousseau.it

Nata nel 1968 per occuparsi in maniera innovativa del tempo libero dei minori attraverso un progetto pedagogico peculiare che mira a facilitare la graduale crescita e maturazione dei ragazzi.
In particolare gestisce a promuove: centri di aggregazione giovanile, centri diurni estivi a favore di minori, corsi di formazione e aggiornamento, campeggi e vacanze per minori, servizi di prescuola e giochi serali, laboratori creativi e culturali, attività animative, gestione di spazi ludici per bambini, collaborazioni con scuole pubbliche nelle attività extradidattiche. In oltre 35 anni di attività, i Centri Rousseau hanno partecipato alla formazione di 4.000 educatori ed alla crescita di ben 20.000 ragazzi, collaborando con famiglie, istituzioni e agenzie.
I Centri Rousseau si propongono un'azione di recupero del tempo libero giovanile come tempo di crescita, educativo e formativo, volto all’impegno critico verso la realtà e alla responsabilizzazione verso se stessi e gli altri.
In questa prospettiva, i Centri Rousseau uniscono un' impostazione pedagogica moderna e avanzata ad un lavoro pratico di organizzazione con/per i giovani.
Le finalità generali del progetto della Cooperativa Centri Rousseau prevedono l'impiego del tempo libero nel rispetto dei bisogni e dei desideri di bambini/e e ragazzi/e, con particolare attenzione alle dinamiche della comunicazione e della socialità, attraverso lo scambio di esperienze, l'approfondimento di linguaggi espressivi diversi.
Gli interventi dell'équipe degli adulti, attraverso l'uso di molteplici strumenti educativi, sono mirati alla creazione di una comunità in cui ogni membro sia riconosciuto in quanto soggetto attivo, propositivo, responsabile e riconosciuto dal gruppo.
Questo obiettivo implica diversi passaggi: muovendo da una situazione iniziale in cui il ruolo di conduzione è saldamente nelle mani dell'équipe degli educatori, al fine di creare un ambito di sicurezza sia sul piano dei punti di riferimento, che emozional-affettivo, che normativo, si tende in seguito a favorire l'assunzione di responsabilità e di più ampi spazi di opzionalità e protagonismo da parte dei bambini e dei ragazzi.
La composizione delle équipe di educatori che intervengono nei turni, nei centri estivi, nelle attività durante l'anno o nei laboratori è fatta partendo da un costante confronto e verifica del lavoro fatto, da una formazione e da un aggiornamento mirati ad approfondire tematiche riscontrate durante il lavoro con i bambini e cercando di garantire una continuità delle relazioni instaurate durante l'intervento.
Si identifica leducatore in una persona che utilizza l'animazione come metodologia educativa, in posizione di ascolto rispetto ai bisogni del minore, dotato della maturità necessaria a stabilire e a
mantenere relazioni interpersonali positive con tutti i membri della comunità, capace di fornire gli strumenti per scelte di cambiamento, favorendo in tal modo, attraverso il proprio modello comportamentale e interventi centrati, un processo di maturazione ricco, vivace e produttivo della personalità del minore.
L'educatore ha un'attenzione particolare alla sfera emotiva del minore, ai suoi bisogni affettivi. La relazione adulto/bambino assume le caratteristiche di rapporto dialettico, della messa in comune dei valori di cui si è portatori e di ricerca di modalità di vita in comune nel rispetto delle esigenze di tutti (assunzione delle regole, integrazione dei portatori di handicap che non seguono un percorso differenziato rispetto al grande gruppo). L'educatore fornisce al minore l'occasione di emergere come individualità anche e soprattutto all'interno di contesti di cooperazione e di solidarietà.